×

Message

Direttiva dell'Unione Europea sulla e-Privacy

Questo sito web utilizza i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possiamo impostare questi tipi di cookie nel vostro dispositivo.

Visualizza i documenti della Direttiva Europea sulla e-Privacy

Hai rifiutato cookie. Questa decisione può essere annullata.

Aranha

Racconti fantastici

AranhaSPETTACOLO TRATRALE
Regia: Renato Sibille, in collaborazione con Patrizia Spadaro e Roberto Micali
Con gli attori del Laboratorio Permanente di Ricerca Teatrale di Salbertrand
Nicolò Abbà, Eliana Blanc, Roberta Borgatta, Germana Burgarello, Arianna Cibonfa, Enrico Cibonfa, Fabio Liberatore, Dario Meyer, Luca Meyer, Roberto Micali, Barbara Patria, Odilia Rossa, Nadia Ruffa, Renato Sibille, Giorgio Sigot, Patrizia Spadaro, Alberto Taverna, Elisa Taverna, Gianmario Tego
Riprese video: Roberto Micali e Renato Sibille
Montaggio video: Roberto Micali
Assistente all'audio e alle musiche: Paolo Maria Guardiani
Grafica: Nadia Ruffa
Realizzato in collaborazione con: Parco naturale del Gran Bosco di Salbertrand, Ecomuseo Colombano Romean, Comune di Salbertrand, Provincia di Torino

REPLICHE REALIZZATE      
Sabato, ottobre 30, 2010 Salbertrand   Foto dello spettacolo

 

ARANHA è uno spettacolo teatrale ideato e messo in scena dal Laboratorio Permanente di Ricerca Teatrale di Salbertrand, diretto da Renato Sibille. Lo spettacolo intreccia in una tela i fili della storia e della cultura della Valle di Susa con i fili dell'immaginario popolare e delle sue creature fantastiche, attraverso un mix di teatro, video e musica. L'aranha, il ragno, intreccia la sua tela e cattura storia e mito, svelandone il lato segreto. Lo spettacolo "ARANHA" ha debuttato sabato 30 ottobre 2010 a Salbertrand, al termine del convegno "Choza da pa creir/Cose da non credere: presenze fantastiche nella cultura popolare in area occitana", svoltosi presso la sede del Parco naturale del Gran Bosco di Salbertrand.

Mi a n'ei vita ad choza que vouzautri-z-omme ou pouiè pa ou-z-imajinâ:
din-z-unë grosë baumë eucurë gardà dou Marmoou, ei vì la machinë dou
diable 'mbou la corna an l'èr qu'fazì ad flamadda abouminabbla e
epoubantabbla e ou lon dlou bià e dla Dueirë ei vì la Chaptourtë, la
Champelo, la Rafanhaoudo e la Maie dla Duira sautà 'd for dl'aiguë, atrapâ
e s'machâ lou pchisse pardù. Ma tut ician 'n jou ou l'anaré pardù ma 'd
larma din la pleuië can i l'ariberè l'Aranha


La lh'èr un cò 'n aranha
teisîa sa bellë tèra
touplan touplan
la neala tèra i l'à crapà
peui l'i sourtì 'l sourel
hamoun bemèi dou sê
touplan touplan l'aranha
sa tèra i l'à ranjà

 

Share