Chi siamo

L'Associazione ArTeMuDa, affiliata ARCI dal 2006, nasce a Torino il 14 Febbraio 2003. È un'Associazione di Promozione Sociale formata da operatori culturali e ricercatori con competenze specifiche nei settori artistici del teatro, della musica e della danza: da qui deriva il nome dell'Associazione, AR come Arte, TE come Teatro, MU come Musica e DA come Danza. L'Associazione ha come finalità la diffusione e la ricerca artistica, l'uso dell'espressione artistica per favorire la creatività individuale e di gruppo, la formazione di operatori in ambito artistico e sociale e la divulgazione della conoscenza dell'espressione artistica attraverso la realizzazione di laboratori, seminari, spettacoli, conferenze, pubblicazioni e video. Le attività dell'Associazione si rivolgono all'ambito culturale, sociale, educativo e lavorativo.

Il Consiglio Direttivo dell'Associazione è composto da Roberto Micali (Presidente), Patrizia Spadaro (Vice Presidente), Renato Sibille, Tiziana Rubano e Fabio Liberatore. I soci al 30/6/2018 sono 69. La sede legale dell'Associazione è a Torino in via Macerata 1. Nel settembre 2013 l'Associazione ha aperto a Torino lo Spazio ArTeMuDa per le attività istituzionali (riservate ai soci) in via Drusacco 6 (zona Piazza Stampalia).

CONSIGLIO DIRETTIVO ARTEMUDA

ROBERTO MICALI (Presidente) nasce a Torino nel 1964. Nel 1990 si laurea in Scienze dell'Informazione presso l'Università di Torino. Dal 1991 lavora presso il centro ricerche di Telecom Italia (TILAB, ex CSELT) come progettista di reti dati. Organizza e tiene corsi di formazione tecnica e partecipa come speaker a numerose conferenze internazionali nell'ambito delle telecomunicazioni. Nel campo del teatro e della danza contemporanea si forma con Sorelle Suburbe, Maria Fux, Odin Teatret, Stalker Teatro, Giorgio Rossi, Virgilio Sieni, Roberto Castello, Przemek Wasilkowski (Workcenter di Jerzy Grotowski e Thomas Richards), Beppe Rosso, Domenico Castaldo, Massimo Munaro (Teatro del Lemming). Nel 2004 si laurea in Teatro presso il DAMS di Torino con la tesi L'utilizzo di strumenti a mediazione teatrale nel mondo del lavoro. Dal teatro d'impresa al training dell'attore. Nel 2003 fonda, insieme ad altre sei persone, tra cui Patrizia Spadaro e Renato Sibille, l'Associazione di Promozione Sociale ArTeMuDa, di cui è presidente dall'aprile 2004. Dal 2004 collabora alla conduzione del Laboratorio Permanente di Ricerca Teatrale di Salbertrand (TO), diretto da Renato Sibille. Nel 2005 firma, insieme a Renato Sibille, la regia di Control Arms, performance realizzata in collaborazione con Amnesty International. Nel 2006 scrive il saggio Il teatro nel mondo del lavoro, pubblicato dall'Università Cattolica di Milano. Dal 2006 conduce a Torino, insieme a Patrizia Spadaro, il Laboratorio di Improvvisazione e Creatività Teatrale e diversi corsi di Lettura ad Alta Voce e Dizione.

PATRIZIA SPADARO (Vice Presidente) nasce a Torino il 15 giugno 1967. Dedica la sua vita professionale al teatro e al lavoro in ambito sociale occupandosi di percorsi di accompagnamento e formazione. Si laurea nel 2004 al DAMS presso l'Università di Torino in "Teorie e tecniche del teatro educativo e sociale", con una tesi dal titolo "Teatro al limite della libertà. Esperienze di teatro sociale in carcere minorile". Conduce laboratori di teatro in ambito sociale rivolti a diverse tipologie di utenze (presso istituti penitenziari, scuole di diverso grado, comunità per disabili psichici, per minori a rischio e corsi per adulti). Nel 2003 fonda l'associazione ArTeMuDa, di cui oggi è vicepresidente, occupandosi della conduzione dei laboratori di improvvisazione e creatività e svolgendo l'attività di attrice e regista. Ha lavorato nel suo percorso professionale per vari enti, agenzie formative e cooperative. Accreditata come professionista dell'accompagnamento attraverso la Metodologia Reconnaissance des Acquis ha lavorato dal 2005 al 2017 presso l'agenzia di Formazione Forcoop come orientatrice, consigliera di bilancio, formatrice e responsabile corsi. Ha lavorato presso la Fondazione Cirko Vertigo come Responsabile Corsi e Responsabile Sistema Qualità e Accreditamento. Nel 2005 ha fondato l'associazione di volontariato "Aporti Aperte" (di cui è stata presidente dal 2005 al 2017) che opera a favore dei ragazzi entrati in contatto con i servizi della Giustizia Minorile e in particolare dei ragazzi ristretti presso l'Istituto Penitenziario "Ferrante Aporti". Oggi lavora come Orientatrice e Formatrice presso la sede del Ciofs (Centro Italiano Opere Femminili Salesiane) Maria Mazzarello a Torino.

RENATO SIBILLE, nasce in Perù nel 1959, è originario dell'Alta Valle di Susa dove vive e lavora. Si è laureato in Teatro, con una tesi su Eugenio Barba e sull'Odin Teatret, presso il DAMS di Torino dove nel 2008 ha conseguito il Dottorato. Ha una formazione artistica eclettica che spazia dal teatro comico e gestuale alla danza contemporanea, all'antropologia teatrale. Dal Febbraio 2004 dirige il Laboratorio Permanente di Ricerca Teatrale di Salbertrand (TO) per il quale firma la regia di oltre 60 spettacoli teatrali e di numerosi film, tra i quali Oltre l'eco al Col Basset (30', colore, 2007) vincitore del XII Valsusa Filmfest, 2008 – Sezione Memoria Storica. Renato Sibille coordina diversi progetti di promozione e salvaguardia della lingua minoritaria occitana dal 2004 al 2015 presso il Comune di Oulx, il Comune di Salbertrand, il Comune di Exilles, il Parco naturale del Gran Bosco di Salbertrand e la Chambra d'Oc, per conto della Provincia di Torino ed è titolare di corsi di lingua occitana sul territorio dell'Alta Valle di Susa dal 2004 nei Comuni di Oulx, Salbertrand, Bardonecchia ed Exilles. Effettua ricerche storiche, antropologiche ed etnolinguistiche nell'area occitana altovalsusina con all'attivo numerose pubblicazioni di articoli, saggi, monografie, pagine web, documentari e testi teatrali.

TIZIANA RUBANO nasce a Torino nel 1974. Si laurea in Lettere Moderne indirizzo Artistico con una tesi incentrata sugli aspetti visivi nella scrittura e nella vita di Virginia Woolf. Trainer e Coach professionista ACC ICF da anni opera come formatrice nell’ambito delle risorse umane e della comunicazione.  Ceo della società di outsourcing Nimbus 2003 Srl, Vice-Presidente dell’Associazione per l’Imprenditoria Femminile Selena Italy e Presidente dell’Associazione per lo sviluppo e promozione del territorio Auriga Cilento. Giornalista regolarmente iscritta all’Ordine dei Giornalista elenco Pubblicisti. Nel campo del teatro si forma con Roberto Micali e Patrizia Spadaro e attraverso corsi e stage con attori della scena contemporanea (Marco Gobetti, Alberto Barbi, Domenico Castaldo, Cuocolo e Bosetti, etc.). Oltre alle diverse collaborazioni con Enti, Agenzie e Aziende conduce a Torino, insieme a Roberto Micali, corsi di comunicazione efficace e training assertivo in cui utilizza la tecnica del Teatro Forum.

FABIO LIBERATORE nasce a Torino l’8 settembre 1981. Dal 2008 partecipa ai laboratori teatrali dell'Associazione ArTeMuDa e l’anno successivo si laurea in Comunicazione Multimediale e di Massa all’Università di Torino con una tesi scritta proprio sul teatro e l’Associazione ArTeMuDa dal titolo Teatro, mutamenti e radici. Negli anni è presente in molti spettacoli sia del Laboratorio di Improvvisazione e Creatività Teatrale di Torino che del Laboratorio Permanente di Ricerca Teatrale di Salbertrand (TO). Ha collaborato con Francesca Armocida per la creazione di spettacoli per bambini. Dal 2013 recita nello spettacolo Le donne forti danzano scalze. Nel 2015 è attore, co-regista e co-sceneggiatore dello spettacolo FallAballà (già Occhiali Neri). Nel 2017 recita e partecipa alla creazione dello spettacolo teatrale Vivere In Piedi e prende parte al relativo progetto Via Teresa Noce. Dopo la formazione teatrale ricevuta da Roberto Micali, Patrizia Spadaro e Renato Sibille partecipa a workshop e corsi tenuti da attori della scena contemporanea del calibro di Cuocolo e Bosetti, Domenico Castaldo, Alberto Barbi.  Dal 2009 al 2014 ha collaborato in qualità di volontario con un’associazione sportiva torinese che si occupa di disabilità e a fine 2018 si laureerà in Scienze dell’educazione con indirizzo educatore professionale socio-culturale con una dissertazione sull’inclusione sociale, i progetti di vita indipendente e gli inserimenti lavorativi per persone con disabilità.

Torna su