×

Message

Direttiva dell'Unione Europea sulla e-Privacy

Questo sito web utilizza i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possiamo impostare questi tipi di cookie nel vostro dispositivo.

Visualizza i documenti della Direttiva Europea sulla e-Privacy

Hai rifiutato cookie. Questa decisione può essere annullata.

Ho visto la neve

Ho visto la neve

SPETTACOLO TEATRALE
Con: Roberto Micali, Renato Sibille, Patrizia Spadaro
Musiche eseguite dal vivo da: Daniele Contardo
Liberamente tratto da: "La neve di Ahmed" di Francesca Caminoli

Venerdì 11 maggio 2018, ore 21.00
BUSSOLENO (TO)
Presso Mulino Varesio
Nell'ambito della manifestazione "Critical Wine"
INGRESSO LIBERO

Ahmed é un quattordicenne curdo che vive in un istituto a Torino. Un giorno va con i suoi compagni sulla cima della Mole, dove scopre che vicino a Torino ci sono le montagne con la neve, come al suo paese, da cui é dovuto fuggire molto piccolo. Decide allora di andare a vedere la neve e scappa dall'istituto. Si uniscono a lui tre compagni: Luigi, siciliano, figlio di mafiosi, Zoran, zingaro di Sarajevo e Tuane, ragazzo della Val Thuras. "Ho visto la neve" é il racconto della loro fuga e, insieme, quella delle loro vite difficili, raccontata da uno dei protagonisti, Luigi, con un finale a sorpresa. Liberamente ispirato a La neve di Ahmed (Il Grandevetro/Jaca Book) di Francesca Caminoli.

REPLICHE REALIZZATE      
Sabato, agosto 1, 2009 Oulx    Foto dello spettacolo
Sabato, maggio 16, 2009 Susa    Foto dello spettacolo
Venerdì 23 ottobre, 2009 Rubiana Salone Parrocchiale  
Martedì 5 gennaio, 2010 Exilles Sala Consiglio  
Sabato 3 luglio, 2010 Salbertrand Sede Parco del Gran Bosco  
Domenica 24 luglio, 2011 Cesana T.se Borgata Rhuilles  
Sabato 28 gannaio, 2012 Chiomonte Chiesa di Santa Caterina  
Sabato, settembre 7, 2013 Oulx Fraz. Amazas  


Leggi la recensione di "La neve di Ahmed" sul Corriere della Sera

FRANCESCA CAMINOLI (Lecco, 1948) é giornalista professionista e ha lavorato a Milano in quotidiani e periodici fino al 1982, anno in cui si é trasferita a vivere a Lucca. Qui ha fatto diversi lavori: traduzioni, uffici stampa, testi per dépliant di aziende e, sporadicamente, ancora qualche articolo per i giornali. Negli ultimi anni ha ripreso in modo diverso la professione, facendo un giornale in NIcaragua con i ragazzi di strada del progetto Los Quinchos, con cui collabora. Dopo la morte del figlio Guido, con il ricavato della vendita delle sue incisioni, ha aperto una piccola scuola di pittura per i ragazzi del progetto e del barrio vicino, a cui andranno i diritti d'autore del suo ultimo libro "Viaggio in requiem". Nel 1999 ha pubblicato "Il giorno di Bajram (Il Grandevetro/Jaca Book), selezionato per il premio Viareggio e il premio Cittá dei Lettori, tradotto in serbo da Jasmina Tesanovic per la casa editrice Feministicka di Belgrado. Sempre con il Grandevetro/Jaca Book ha pubblicato nel 2003 "La neve di Ahmed", ripubblicato nel 2006 da Paravia Bruno Mondadori, in edizione scolastica, e da cui sono stati tratti diversi spettacoli teatrali, scolastici e non (email: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. )

Share