Sont e paure diau d'uvern

I santi del popolo a Casteldelfino

In Valle Varaita è ancora viva e salda la devozione popolare, che ha dato origine negli anni alla tradizione delle processioni, delle feste religiose e la costruzione di cappelle e piloni votivi. Il progetto "I Santi del Popolo" ha riportato alla luce e descritto nel corso del 2008 i segni che questa devozione popolare ha lasciato sul territorio, attraverso mostre, convegni, spettacoli teatrali, visite guidate e molte altre iniziative, promosse e organizzate dalla Comunitá Montana Valle Varaita, dalle Associazioni Culturali, i Comuni e i Musei della Valle Varaita. In particolare, l'Associazione ArTeMuDa, in collaborazione con l'Associazione Culturale "Jer á la Vilo", ha proposto il 14 agosto nelle vie di Casteldelfino lo spettacolo teatrale itinerante "Sont e paure diau". I due paure diau Orso e Pancrazio, mendicanti in cerca di elemosina, assieme alla devota lavandaia Margherita martedì 30 dicembre tornano presso la Chiesa Parrocchiale di Santa Margherita in un nuovo spettacolo teatrale e musicale dedicato alle storie dei santi del popolo. Gli attori dell'Associazione ArTeMuDa Roberto Micali, Renato Sibille e Patrizia Spadaro saranno affiancati dalle voci delle Trobairitz d'Oc Paola Lombardo e Valeria Benigni e dai fiati di Claudio Carboni per continuare a raccontare storie di santi e di devozione.

Attori:
Roberto Micali, Patrizia Spadaro, Renato Sibille

Voci:
Trobairitz d'Oc (Paola Lombardo, Valeria Benigni)

Sax:
Claudio Carboni

Valle Varaita Regione Piemonte

 

TROBAIRITZ D'OC

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel: 347 1019286

Un duo vocale insolito che racconta e rinnova il prezioso patrimonio occitano di canti al femminile presente trasversalmente nelle valli occitane in Piemonte, al territorio di lingua d'Oc del Midi in Francia alla valle Aran in Spagna. Due voci sole, che colorano il repertorio di canti che traggono ispirazione dal cantar cortese delle trovatrici che, nei secoli undicesimo e dodicesimo poetavano e componevano canti. La fusione della musica popolare con linguaggi jazz rende questa proposta originale e innovativa nel panorama della musica tradizionale occitana.

 

Torna su