Accedi

×

Message

Direttiva dell'Unione Europea sulla e-Privacy

Questo sito web utilizza i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possiamo impostare questi tipi di cookie nel vostro dispositivo.

Visualizza i documenti della Direttiva Europea sulla e-Privacy

Hai rifiutato cookie. Questa decisione può essere annullata.

Santi Bestie Maniscalchi

Materiali per un trasporto a bassa velocità

Santi Bestie Maniscalchi

 

Dimostrazione di lavoro del laboratorio permanente di ricerca teatrale

 

 

Scarica la locandina (formato pdf, 317 KB)

Scarica il pieghevole (formato pdf, 680 KB)

Il laboratorio teatrale di Salbertrand nasce innanzi tutto per rispondere ad una nostra esigenza di fare teatro, di comunicare attraverso codici verbali e non verbali del corpo, attraverso un altro noi, un nostro doppio. In secondo luogo abbiamo promosso il laboratorio perché sentiamo il teatro come necessario qui e ora: in realtà quali quelle di Salbertrand, di Exilles o di Chiomonte o delle tante frazioni e borgate annotate in margine alla valle, ad una valle che corre verso l'appuntamento delle Olimpiadi 2006, o meglio verso i miraggi dei facili guadagni che dovrebbero riversarsi a fiumi tra le nostre montagne con questo evento. Come possiamo facilmente prevedere, quei fiumi di denaro scivoleranno lungo i pendii e si incanaleranno verso poche tasche. I diseredati di sempre, i dimenticati di sempre, gli spiantati di sempre saranno ancora più soli, ancora più abbandonati e defraudati del loro spazio, della loro lingua, della loro cultura.

È da un piccolo affresco della chiesa parrocchiale di Salbertrand che ha preso avvio il primo lavoro del laboratorio permanente di ricerca teatrale. Si tratta dell'unico dipinto superstite sulla parete della seconda campata della navata sinistra. Il piccolo affresco riquadrato rappresenta una vicenda della vita di Sant'Eligio, raffigurato nell'atto di riattaccare la zampa ad un cavallo. La scena si svolge sullo sfondo di un muro di cinta sul quale si apre una finestra a croce. Un garzone aiuta il maniscalco a riattaccare la zampa recisa ad un cavallo bianco. Il santo veste il tipico grembiale di bottega ed è ritratto in atto benedicente.

Eligio è protettore dei fabbri, degli orafi, dei carrettieri ed oggi anche dei meccanici e dei garagisti ma, soprattutto, è il santo patrono dei maniscalchi. A lui ci si rivolgeva anche per la protezione di muli e cavalli o si ricorreva, per ottenere una grazia, quando gli arti degli animali soffrivano un danno.

La dimostrazione di lavoro si svolge nelle vie di Salbertrand.

 

L'affresco di Sant'Eligio nella Chiesa Parrocchiale di Salbertrand
L'affresco di Sant'Eligio nella
Chiesa Parrocchiale di Salbertrand


REPLICHE REALIZZATE      
Sabato, Settembre 25, 2004   Salbertrand    Le foto della dimostrazione di lavoro

 

 

Share